🔎 su Giulio Romano. Focus #5

Altre opere di Ippolito Andreasi, detto Andreasino, del 1567-1568 esposte in questa mostra sono i rilievi relativi al Camerino dei Cesari.

Questi disegni sono particolarmente importanti perché ci permettono di ricostruire la parte inferiore di tre delle quattro pareti della stanza.
Oggi infatti il Camerino dei Cesari ci appare privo del basamento ligneo che ospitava dei dipinti: le rappresentazioni illustravano episodi tratti dai racconti dello storico latino Svetonio che riguardavano le vite degli undici imperatori romani i cui ritratti, realizzati dal celebre maestro veneto Tiziano, occupavano le specchiature a livello superiore. Tali magnifici ritratti sono andati oggi perduti, ma rimangono apprezzabili delle copie collocate esattamente al posto degli originali.

Tornando ai rilievi dell’Andreasino il disegno esposto in mostra descrive la parte sottostante gli imperatori Tiberio, Caligola e Claudio con le tre storie loro relative e, per gli ultimi due, anche le immagini a cavallo. Ai lati del camino, ora scomparso, si vedono: a sinistra La modestia di Tiberio, di cui si riconosce anche il disegno preparatorio utilizzato per decifrare il significato della rara iconografia; a destra, Il presagio di Claudio secondo il testo di Svetonio; al centro, sulla cappa del camino Artabano re dei Parti rende omaggio alle insegne romane di Caligola.

logoGR_foot

Copyright 2019 © . Tutti i diritti riservati.

6 ottobre 2019 - 6 gennaio 2020

Complesso Museale
Palazzo Ducale di Mantova